Le origini-Amare il Boxer

Le origini

 

Origini del Boxer

Campione Sigurd v.Dom (1929)
sigurddom
Il primo Boxer apparve nel 1895 a Monaco di Baviera:  nel corso di una esposizione di cani San Bernardo, in quella occasione fu presentato "Flocki", il primo esemplare di Boxer iscritto al Libro di allevamento della razza.

Quando si parla di “origini” di una razza canina la parola sta a significare “La Storia”, ovvero una particolare indagine che ne fa emergere il passato e ne stabilisce la connessione con il presente.
Quando e come ebbe inizio la razza?
In qual modo sono andati mutandosi i boxer?
Perché alcuni sono scomparsi ed altri no?
In che maniera hanno assunto l’aspetto attuale?
Come succede spesso, all’indagine storica si oppone una limitazione di ordine pratico, perché essa non comprende soltanto i risultati finali, ma anche tutto cio che i primi allevatori hanno studiato ed appreso e, nientemeno, include cio che e stato creato e distrutto.
Ci e possibile sapere del passato degli allevatori, sia che si tratti della famosissima Frau Stockmann (allevatrice che appartiene alla memoria della razza come ness'un altro prima e dopo lei) sia che ci si riferisca ai nostri moderni “vecchi” solo se ci hanno tramandato dei documenti scritti. Bisogna riconoscere che noi boxeristi siamo abbondantemente fortunati!!
Il primo cane seriamente significativo per la razza fu il “Bullenbeisser”, un molossoide che trasmise al boxer, viste le sue doti caratteriali di combattente con prede molto piu grosse di lui, la combattività e la tempra.
Ma il passo fu completo solo quando al Bullembeisser si affiancò il Bulldog inglese. Durante quel periodo il Bulldog era una cane completamente diverso da quello di oggi, sicuramente piu alto e la testa era piu marcata .
Per fortuna la letteratura boxeristica in lingua italiana non manca, a questo punto mi fa piacere lasciare la penna ad un grande Boxerista del passato, scomparso prematuramente: il Dott. Roberto De Sanctis.

Read More